Generale

Ci può essere fuoco senza fiamma?

L’espressione “fare fuoco e fiamme” è semanticamente errata. Il secondo elemento è parte fondamentale del primo. Anzi, ontologicamente il primo non può esistere senza il secondo. Insomma è un po’ come dire “affogare nell’acqua e nell’idrogeno”. Quantomeno ridondante.

Uno strano scherzo del destino

Uno strano scherzo del destino (A Simple Twist of Fate) di Gillies MacKinnon (USA, 1994) con Steve Martin, Gabriel Byrne, Alana Austin, Stephen Baldwin, Laura Linney, Catherine O’Hara, Amelia Campbell, Alyssa Austin, Alaina Mobley Lo dico candidamente: io questo film proprio non l’ho capito. Ci sono due padri che si contendono l’affidamento di Mathilda, una ragazzina di 10 anni circa. Il primo (Michael McCann/Steve Martin) è un umile falegname, un bravo padre, pieno di affetto, il tale che si è occupato della ragazzina sin da quando questa è entrata nella sua vita, all’improvviso, a seguito della morte di sua madre. […]

Ladro lui, ladra lei

Ladro lui, ladra lei di Luigi Zampa (Italia, 1958) con Alberto Sordi, Sylva Koscina, Mario Riva, Ettore Manni, Mario Carotenuto, Alberto Bonucci, Anita Durante, Mino Doro, Vinicio Sofia, Carlo Delle Piane, Marisa Merlini Commediuccia leggera cucita addosso a Sordi, tutta costruita intorno alla sua capacità di interpretare straordinariamente il lessico e la mimica del borgataro romano. Cencio (Sordi), un simpatico galeotto che entra ed esce continuamente dal carcere di Regina Coeli, torna finalmente a casa, dopo l’ennesimo indulto. Nella sua borgata troverà la gente che conosce da una vita, sua madre che lo attende paziente a casa e Cesira (Sylva […]

Gli amici che cercano di venderti qualcosa

7 Comments

A proposito di blog, web 2.0 e socialcosi mi sento di condividere e ri-pubblicare quello che Gaspar Torriero ha scritto in questo post: «È bene ripetere ogni tanto che noi, che non abbiamo niente da vendere, non siamo qui per influenzare ma per esprimerci e per avere relazioni tra amici; e gli amici che cercano di venderti qualcosa sono quelli che perdi senza rimpianti».