bun

Ieri ho fatto il pane. Esperienza del tutto nuova per il sottoscritto: non l’avevo mai fatto prima. Dunque ho cercato un po’ di ricette in Rete. Ero orientato verso il tipo noto come “No Knead” perché credevo fosse più semplice – e infatti un po’ lo è – ma la lunghissima lievitazione mi ha scoraggiato. Poi mi sono imbattuto nel video che trovate qui sotto e ho deciso quindi di tuffarmi nella preparazione di piccoli panini ai semi – alimento di cui da sempre sono molto ghiotto. Non ci ho messo molta dedizione, è una ricetta che ho fatto quasi per gioco ma, oltre ad essermi divertito molto, devo ammettere senza alcuna modestia che l’esperimento è perfettamente riuscito. Questo pane è ottimo.

Ingredienti
500 grammi di farina tipo 00
200 ml di latte intero
un bicchiere di acqua tiepida
una bustina di lievito di birra in polvere
mezzo cucchiaio di sale
un cucchiaino di zucchero bianco
50 grammi di semi di sesamo
50 grammi di semi di papavero
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
una ciotola piena d’acqua

pane al latte

Preparazione
Mettete tutto il latte in un pentolino e riscaldatelo un po’ ma senza farlo bollire, per la preparazione ci serve tiepido.
Prendete poi una ciotola molto capiente e versateci il mezzo chilo di farina, il sale, lo zucchero, i due cucchiai colmi di olio e il lievito precedentemente sciolto per qualche minuto dentro un bicchiere colmo di acqua tiepida. Come lievito io ho usato quello in polvere Mastro fornaio di Paneangeli (in bustina) ma, se volete, potete anche sostituirlo con il panetto di lievito di birra tradizionale o usare il lievito madre che, oltre che essere ormai di moda, rende il pane più gustoso ed è naturalissimo.
Iniziate a mescolare con un grosso mestolo in legno e versate pian piano il latte intiepidito. Quando il tutto sarà ben amalgamato, versateci i semi. Ma non tutti. Diciamo metà circa. Una parte infatti ci servirà per ricoprire i panini. Mescolate ancora finché tutti i semi saranno distribuiti equamente nell’impasto.
Svuotate poi la ciotola su un tavoliere o su un ripiano estremamente liscio ricoperto di uno strato di farina e iniziate ad impastare. Se il composto risulterà molto molle e/o si attaccherà alle vostre mani, sarà necessario stendere un bel po’ di farina extra sul ripiano in modo che con il processo di impasto questa venga incorporata nella massa.
Dopo aver lavorato vigorosamente l’impasto per una decina di minuti circa, ungete con un filo d’olio la ciotola che avete usato precedentemente e riponete la massa a lievitare. Ricoprite e siggillate la ciotola con abbondante pellicola trasparente e lasciate lievitare a temperatura ambiente per 2 ore circa, senza mai scoprire l’impasto.
A lievitazione ultimata – l’impasto deve essere cresciuto quasi due volte in volume – scoprite la ciotola, prendete la massa e lavoratela ancora un po’ sul tavoliere – per un minuto circa, diciamo – ripiegandola più volte su se stessa. Intanto mettete un po’ di acqua in un altro pentolino, portatela ad ebollizione e inserite poi il pentolino in un forno spento.
A questo punto procedete con la spezzatura, ossia tagliate la massa in piccoli panetti da 40 grammi circa e lavorateli un po’ tra le mani in modo da formare dapprima un funghetto e poi una piccola palla. Quindi immergete ciascun panetto per un secondo in una ciotola ripiena d’acqua a temperatura ambiente e poi capovolgetelo in una scodella che contiene tutti i semi. Questo serve a fare in modo che i semi non si stacchino dalla parte superiore del pane durante la cottura.
A questo punto riponete i piccoli panini su una teglia ricoperta di carta da forno, distanziandoli l’uno dall’altro, e poi inserite la stessa nel forno spento in cui avete precedentemente infilato il pentolino pieno di acqua bollente. Questo procedimento serve a far continuare il processo di lievitazione del pane in un ambiente chiuso, umido e riparato da correnti di aria fredda.
Dopo 40 minuti, aprite il forno, tirate fuori la teglia e verificate che il volume dei panini sia cresciuto ancora.
Pre-riscaldate il forno a 180° e poi infilateci dentro la teglia con i panini. La cottura deve durare all’incirca 30 minuti. Evitare di aprire il forno, se potete.
Con metà dell’impasto io ho creato anche un pane in cassetta (che potete vedere nella seconda foto di questo post).

Per la ricetta ho seguito quasi alla lettera quanto suggerito da questo video di MypersonaltrainerTv intitolato “Panini con Semi Vegetali – Pane fatto in casa – Le Ricette di Alice”.