Colpo gobbo all’italiana

di Lucio Fulci (Italia, 1962)
con Mario Carotenuto, Gina Rovere, Marisa Merlini,
Andrea Checchi, Gino Bramieri, Aroldo Tieri, Gabriele Antonini,
Hélène Chanel, Ombretta Colli, Nino Terzo, Mario de Simone,
Giacomo Furia, Burt Nelson, Silvia Bettini, Carlo Pisacane

Commedia molto buffa che racconta le gesta di una specie di “banda degli onesti”.
Roma. Esterno notte. Venerdì. La filiale di banca di un quartiere popolare viene svaligiata mentre è di guardia Orazio, un metronotte che si è sempre distinto per la sua dedizione al lavoro: in 10 anni di servizio mai nessun crimine è stato perpetrato nella sua zona. Di lì a poco proprio per questo motivo riceverà anche una onorificenza dal quartiere. Dal momento che nessun allarme è scattato, Orazio decide di non sporgere denuncia e di non riferire l’accaduto ai suoi capi, anche perché si sente responsabile dell’accaduto, essendosi allontanato (per una volta) dal luogo di lavoro per prestare soccorso ad una giovane donna molto affascinante. L’idea della guardia è di cercare di porre rimedio personalmente al furto, magari recuperando la refurtiva entro il weekend, ossia prima che arrivi il lunedì mattina, la banca riapra e si scopra il fattaccio. Per risolvere questo problema, allora, decide di rivolgersi ad una banda di piccoli ladruncoli di quartiere che conosce di persona. Essendo però questi all’oscuro di tutto, finiscono per delegare la risoluzione di questo problema a un ex capobanda, tale Nando Paciocchi, che ormai ha ripulito la sua immagine dandosi alla vendita di elettrodomestici. A questo punto scatta una vera e propria caccia al ladro con Paciocchi alla guida della banda e delle ricerche: obiettivo recupero della refurtiva e riposizionamento del denaro sottratto nella cassaforte della filiale della banca. In pratica la prospettiva si ribalta: quelli che inizialmente vengono identificati come ladri, finiscono per diventare eroi, dando la caccia al furfante invasore che ha osato intromettersi negli affari del quartiere.
Mario Carotenuto nella parte di Paciocchi è superlativo. Uno dei più grandi caratteristi del cinema italiano in bianco e nero. Un simbolo gigante per la commedia all’italiana in generale e romana in particolare.
Gino Bramieri interpreta un bandito grasso e cialtrone di origini milanesi che viene sottoposto ad un interrogatorio e segregato in casa di Paciocchi perché sospettato di essere implicato nel furto alla banca. Molto divertente il suo duetto con Carotenuto: l’uno nella parte del dell’indagato, l’altro in quella poliziotto dai modi bruschi.
Andrea Checchi ha il ruolo del metronotte in bicicletta, un uomo di mezza età, semplice ed ingenuo che si affida a dei bonari ladruncoli per risolvere il caso, pur di non vedere compromessa la sua reputazione di buona guardia del quartiere.
Giacomo Furia ha un piccolissimo ruolo da brigadiere.
Marisa Merlini fa la moglie coraggio dal piglio deciso di uno dei ladri cialtroni – quello intepretato dal famoso “Tartaglione d’Italia”, ossia Nino Terzo.
Ombretta Colli è così giovane che quasi non la si riconosce. Il suo ruolo è quello della fidanzatina dolce e un po’ ingenua di uno dei membri più giovani della banda di ladri cialtroni. Ama il suo uomo ma si mostra restia a cedere alle avance, almeno finché lui non le promette di sposarla.
Aroldo Tieri appare in coda al film in un paio di scene nei panni di una specie di gagà raffinato esperto in apertura di casseforti.
A Gina Rovere il ruolo della moglie giovane e bona di Paciocchi, un’oca giuliva che trascorre il tempo chiusa in casa, indossando una vestaglietta trasparente molto sexy e servendo caffè agli ospiti di suo marito.
Le musiche del film sono del M° Piero Umiliani. Alcuni brani che compongono la colonna sonora sono cantati da Gianni Meccia. Una segnalazione particolare va fatta per la canzone “La nottola di notte”, che fa da sigla di apertura del film e per “Sexy Twist”, un pezzo allegro e solare che viene suonato durante una delle scene più divertenti del film.

La scheda di Cinematografo.it e quella di MyMovies.it.