Mese: Novembre 2008

Le mie riflessioni sul RomeCamp 2008

7 Comments

Lo scorso weekend nella Facolta di Economia “Federico Caffè” dell’Università Roma Tre si è tenuto il RomeCamp 2008. Pare ci sia stata un’affluenza stimabile tra i 350 e i 400 partecipanti per questa (ormai tradizionale) serie di conferenze-non conferenze. Io c’ero. Sia venerdì pomeriggio che l’intera giornata di sabato. Vi ho partecipato, non come relatore – ancora non ho nulla di interessante da raccontare, né da illustrare –  ma come volontario. In pratica ero di corveé all’interno delle aule dove si tenevano gli speech per tenere sotto controllo le telecamere atte allo streaming live e a tenere i tempi degli […]

Chi paga per i peccati dell’uomo?

25 Novembre. Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. “Chi paga per i peccati dell’uomo?” Solo il 4% delle donne vittime di violenza denuncia il proprio carnefice. Le altre pagano anche per lui. 02.64443043/44 – telefono.donna@tiscali.it – www.telefonodonna.it. Questa campagna pubblicitaria mi piace. È provocatoria, certo, ma forse non in modo becero. Io ci leggo un buon gioco di parole, un’idea valida, sottile e nient’affatto scontata. Se qualcuno parlasse di blasfemia, voi fate spallucce. Mi raccomando. Fonte: Semerssuaq’s Tumblr.

Galantuomini

2 Comments

Galantuomini di Edoardo Winspeare (Italia, 2008) con Donatella Finocchiaro, Fabrizio Gifuni, Beppe Fiorello, Giorgio Colangeli, Filippo Massari, Gioia Spaziani, Marcello Prayer, Lamberto Probo, Fabio Ponzo, Antonio Perrotta, Luigi Ciardo, Antonio Carluccio, Sofia Chiarello, Claudio Giangreco Questa pellicola, una specie di noir meridionalista, non mi ha affascinato più di tanto. L’ho trovata un po’ banalotta nella storia e alquanto ruffiana nella realizzazione. Siamo a Lecce nei primi anni ’90 – tra il 1991 e il 1992 credo. Le vite di tre persone che da bambini hanno giocato insieme si dividono in età adulta. Lucia è diventata il braccio destro di un […]

FaiQuelCazzoCheTiPareCamp: reportage

17 Comments

Non so davvero da dove cominciare. Posso dire che sabato mattina sono uscito di casa con un trolley ‘rubato’ al coinquilino e doverosamente riempito di cd, tutto contento di dover poi mettere i dischi la sera sul bus a due piani. Immaginate dunque come e quanto io sia rimasto deluso nel momento in cui ho scoperto che nel servizio bus affittato fosse già compreso un dj. “Poco male”, mi sono detto. Alla festa ci sono andato lo stesso, dopo aver condiviso un gradevole aperitivo al “DoppioZero” con Stefigno, Ermanno #6, Marileda Maggi, Marco e Paola. E difatti non mi sbagliavo: […]