After the Sunset

After the Sunset

di Brett Ratner (Usa, 2004)
con Pierce Brosnan, Salma Hayek,
Don Cheadle, Woody Harrelson,
Chris Penn, Naomie Harris, Russel Hornsby,
Troy Garity, Shaquille O’Neal, Gary Payton,
Karl Malone, Lisa Thornhill, Kate Walsh,
Tom McGowan, Rachel Harris, Jeff Garlin,
Alan Dale, Jeff Garlin, Paul Benedict, Anthony Reynolds

Avete presente il solito film in cui Pierce Brosnan fa il ladro gentiluomo e figo? Ecco, questo è uno di quelli, tipo “Il sarto di Panama”, “Gioco a due”, ecc.
La bellona di turno è Salma Hayek, una che evidentemente sta lì solo per farsi guardare; per tutto il film infatti se ne va in giro con la pancia scoperta, indossa magliettine aderenti dalle ampie scollature e in un paio di scene si toglie pure i vestiti (ovviamente di schiena).
Di cosa tratta “After the Sunset”? È presto detto: una coppia di ladri professionisti – abili, agili, scaltri, geniali e super belli – compie il suo ultimo colpo e si ritira in pensione su di un’isola caraibica. L’agente Stanley P. Lloyd – il poliziotto che da anni sta alle loro costole – viene gabbato alla grande, ma non ci sta. Li raggiunge nel paradiso terrestre e continua a tenerli sott’osservazione. Li mette al corrente che su di una nave da crociera, attraccata nel porto dell’isola, c’è un diamante di grande valore, appartenuto niente popò di meno che a Napoleone Bonaparte in persona. Ha intuìto che la coppia ha intenzione di rubarlo perciò non li molla un attimo, anzi arriva anche a stringere una certa amicizia con Maxwell, il ladro col pallino dei diamanti. Il colpo non sarà semplice poiché la pietra è tenuta sotto stretta osservazione e custodita da un impianto di sorveglianza all’avanguardia.
Inoltre la donna di Maxwell, la sexy ladra Lola, che era all’oscuro della presenza della pietra in quel luogo, ha solo voglia di godersi “la pensione” su quell’isola magnifica col suo uomo. Che Maxwell voglia impossessarsi della pietra è chiaro ma la tentazione viene interpretata da Lola come un tradimento nei suoi confronti, come se la promessa che si erano fatti – quella di lasciare definitivamente ‘il lavoro’ – fosse stata disattesa.
Il colpo ovviamente si farà ma di mezzo ci si metteranno anche una sexy poliziotta locale, che darà manforte a Stanley nella caccia al ladro, e una specie di mafioso locale interpretato da Don Cheadle.
Il riferimento al titolo è dovuto al fatto che Lola, durante i pochi giorni che separano la segnalazione della presenza del diamante sull’isola e la notte del colpo, realizza con le sue mani (!?) una veranda in legno davanti a casa sua su cui fermarsi a guardare il tramonto col suo amato Maxwell.

Buona la scelta di Woody Harrelson per la parte del poliziotto imbecillotto e così dannatamente ossessionato dal dare la caccia ad un malvivente che finisce per idealizzarlo e trasformarlo in eroe da imitare.
Il regista è lo stesso della trilogia “Rush Hour”, di “Red Dragon” e di “Family Man”.
“After the Sunshine” è una commediuccia senza arte né parte. Io l’ho vista perché apprezzo il sorrisetto beffardo di Pierce Brosnan sin dai tempi del telefilm “Mai dire si (Remington Steele)”. Voi al massimo guardatelo solo se lo rimandano in tv mentre siete in casa con nulla da fare.

La scheda di Cinematografo.it e quella di MyMovies.it.