Mari del sud

Mari del sud

di Marcello Cesena (Italia, 2001)
con Diego Abbatantuono, Victoria Abril,
Chiara Sani, Antonio Stornaiolo, Fiammetta Baralla,
Enzo Cannavale, Paolo Lombardi, Nando Gazzolo,
Giuliana Calandra, Giulia Steigerwalt, Stefano Scandaletti

Ricordate l’attore che fa "patatiniiiiii" a Mai dire gol? Il marito sfigatissimo di una perfida Lucia Ocone? Bene, quello è Marcello Cesena, ex Broncoviz. Lo stesso cioè che ha firmato la regia di questo filmetto. Perché di filmetto di tratta. Alcuni critici l’hanno addirittura posizionato tra "Mamma ho perso l’aereo" e i primi film di Alberto Sordi. Ma forse gli hanno pure fatto un complimento. Quetsa è una commediola senza grandi spunti per farsi due buone risate. Lo stesso Abbatantuono non recita al meglio. In diversi momenti sembra la caricatura del personaggio che interpretò in "Il barbiere di Rio". Victoria Abril, invece, mi ha stupito. Forse è quella che se la cava meglio. Antonio Stornaiolo (ex Toti del duo pugliese "Toti e Tata") e Chiara Sani vanno di molto sopra le righe. Ma forse l’effetto era ricercato.
La storia è davvero sempliciotta. L’amministratore di un’azienda si accorge di essere stato truffato dal proprio consulente finanziario e di aver perso tutti gli averi nel momento in cui si accinge a partire per le vacanze estive. Deciderà quindi di tornare a casa e di nascondersi al suo interno con tutta la famiglia per evitare che amici, colleghi e vicini si accorgano di questa sua debacle finanziaria. Sarà tutto un fiorire di equivoci banali e gag al limite dell genere ‘comiche’, come una caduta dal tetto, un allagamento di cantina, uno scambio di videocassette, un furtarello al supermarket, ecc.
Sconsigliato.

La scheda di Cinematografo.it, quella di Film.tv.it, quella di FilmUp Leonardo e quella di MyMovies.it.