Telefonare gratis con il cellulare tramite WiFi
È la nuova proposta wireless lanciata dall’operatore Rabbit Point
(Nicola Bruno – www.itnews.it – 14/04/06)

Telefonare gratis col cellulare si può. Il network ‘Rabbit Point’ dà la possibilità di effettuare chiamate a costo zero usando una rete planetaria completamente WiFi.
Chiunque si iscriva a questo servizio transnazionale e acquisti uno specifico cellulare WiFi è in grado di fare telefonate in mobilità da qualsiasi parte del globo terrestre si trovi. Unica condizione: possedere un telefono specifico, basato su teconlogie VoIp in grado di collegarsi a reti wireless di tipo Wifi, come quella della stessa azienda o altre simili.
Il costo di questo apparecchio – esternamente del tutto simile ad un cellulare di tipo candybar – è di 149 sterline, peraltro in questo periodo in promozione, per cui ribassato a sole 99 sterline; il servizio flat di accesso alla rete, invece, è di 6,95 sterline per un tempo di connessione ovviamente illimitato.
“Gratis” forse non è la parola esatta per descrivere questo servizio, visto che c’è da sborsare una certa quota di denaro – una tantum per l’apparecchio proprietario dedicato e una sottoscrizione su base mensile – ma di fatto, una volta tirati fuori di tasca questi soldi, i costi di ogni singola chiamata si riducono al lumicino, alla faccia del costosissimo roaming internazionale.
Rabit point, che con poca modestia si autodefinisce “Il migliore network di hotspot wireless”, può contare già su oltre 6600 punti di connessione al mondo, di cui 180 in Italia. In altre parole, una fitta rete Wifi che si espande a macchia d’olio.
Tre al momento i servizi principali offerti dalla società: “Rabbit Mobile”, “Rabbit Talk” e “Rabbit Surf”.
Il primo dà la possibilità di fare chiamate gratuite illimitate all’interno della rete Rabbit e chiamate internazionali per un centesimo e mezzo di Sterlina al minuto. Possibilità di affittare un cellulare WiFi di ultima generazione per 9,99 Sterline al mese. Il servizio include l’affitto di una linea cioè la dispobilità di un numero locale, dove per il termine “locale” si intende un numero con prefisso della nazione in cui il servizio viene sottoscritto. La vera e fondamentale novità del servizio è che non esiste alcun costo aggiuntivo per il roaming internazionale.
Il secondo servizio permette a tutti gli utenti che usano il terzo servizio o una qualsiasi connessione Internet a banda larga di fare telefonate attraverso un software specifico installato sul pc. Le chiamate tra utenti Rabbit mentre tutte le altre partono da un pence e mezzo al minuto (o 2 centesimi di euro o un quarto di centesimo di dollaro). In aggiunta il servizio fornisce anche una voicemail (email vocale) ed i tradizionali servizi che ci si aspetta di ricevere con i telefoni tradizionali – queste le testuali parole del sito.
Il terzo servizio è un tradizionale accesso alla rete Wifi – su hotspot proprietari – per 6,95 Sterline al mese.
Da una rapida occhiata ai diversi punti di connessione presenti sul territorio italiano si evince che la soluzione di accesso WiFi fornita da Rabbit point sta riscuotendo diverso successo soprattuto nel settore alberghiero. Ben 83 hotspot su 180 (il 46%) sono situati in un hotel.