Monster

Monster

di Patty Jenkins (Usa, 2003)
con Charlize Theron, Cristina Ricci

La storia vera di una serial-killer. La pellicola, molto curata, è praticamente incentrata sulla protagonista (Charlize Theron, tra le altre cose anche produttrice) e sulla sua piccola compagna (Christina Ricci). Tutti gli altri personaggi sono decisamente di sfondo. Appaiono per pochissimi minuti e non vengono affatto analizzati. Difficile annoiarsi di fronte a questo film. La trama e gli avvenimenti prendono lo spettatore, appasionandolo. Molto brave entrambe le attrici. Oscar (e Golden Globe) meritatissimi per la Theron che, con questo film, credo si sia decisamente scrollata di dosso il binomio fastidioso “bella faccia = zero recitazione”. Anche se credo che per lei non ce ne sia stato davvero il bisogno. I truccatori sono stati così bravi che dopo pochi minuti ci si dimentica che sotto quel mascherone si nasconde la bellissima attrice e si identifica quel volto con la vera assassina. Che Christina Ricci fosse brava lo sapevamo già (sin dai tempi del primo “La famiglia Addams”). Ora ci chiediamo ma come fa ad apparire sempre credibilissima nel ruolo della ragazzina, pur avendo ormai 24 anni? Di qualità elevata le frequentissime riprese in interni. Buona prova di regia per una regista alle prime armi (credo).

La scheda di Cinematografo.it