lanimagemella

L’anima gemella
di Sergio Rubini (Italia, 2002)
con Valentina Cervi, Violante Placido,
Michele Venitucci, Sergio Rubini, Dino Abbrescia

Una piccola commedia ambientata nel Salento. Due giovani si amano (Valentina Cervi e Michele Ventitucci). Il loro amore è contrastato da un’altra ragazza (Valentina Cervi), ricca e tremendamente gelosa della bellezza della sua bionda rivale. Il film inizia con un abbandono sull’altare e con una fuga. La famiglia della bruna giura vendetta per il torto subìto e per la vergogna procurata.
Molto bene caretterizzati i fratelli della ragazza abbandonata sull’altare (tra questi Dino Abbrescia). Peccato che il film termini troppo presto; sembra arrivare troppo presto al lieto fine. Il percorso di riavvicinamento tra i due innamorati appare fin troppo immediato. Sono pochissimi i momenti che il giovane Tonino ha per riconoscere la sua amata nel corpo della cattiva rivale, eppure torna subito da lei. Troppo facile.
Sergio Rubini si riverva il ruolo di un barbiere scapolo molto “attaccato alla moneta” (come direbbe lo stesso personaggio). Notevole la recitazione della mamma del barbiere, della “balia” e del padre della sposa (qualche pugliese avrà sicuramente riconosciuto in lui il Don Uorri della telenovela “Il Polpo”).
Tutto il cast, ad ogni modo, riesce a rendere molto bene il linguaggio e i modi di fare di una certa Puglia che ancora mantiene forti legami con la tradizione. Indice ne sono la vendetta per disonore, i riti di magia nera, le donne che chiacchierano sull’uscio mentre mondano la verdura, lo sfarzo nei matrimoni, ecc.
Ora però non voglio sentirmi dire che recensisco solo film che hanno a che fare con la Puglia! ;)

La scheda di MyMovies.it.